Rapporti

  • (2016) REPORT - Il lavoro sul filo di una stringa

    Il «made in Europe» è spesso considerato una garanzia di qualità e di buone condizioni di lavoro. Numerose inchieste realizzate nell’ambito del progetto Change Your Shoes hanno però rivelato un lato nascosto dell'industria calzaturiera, dalle concerie toscane fino alle fabbriche dell'Est Europa

  • (2016) REPORT - Test cromo nelle scarpe

    64 paia di scarpe di pelle di 23 importanti marchi europei sono state testate per verificare l’esistenza di tracce di cromo esavalente VI, una sostanza altamente tossica, allergenica e cancerogena.

  • (2016) REPORT - Calpestare i diritti dei lavoratori

    La campagna Change Your Shoes ha realizzato una nuova inchiesta su come 23 aziende di calzature molto note in tutta Europa si stiano comportando per affrontare i problemi legati ai diritti umani nella loro catena di fornitura.

  • (2016) REPORT - Tricky Footwork - La lotta per i diritti del lavoro nell’industria cinese delle calzature

    Sulla base di un’inchiesta realizzata a fine 2015 tra i lavoratori di tre fabbriche della provincia Guangdong, a cura dell’organizzazione austriaca SÜDWIND, il rapporto fotografa una situazione allarmante nel settore dal punto di vista delle violazioni dei diritti umani di chi ci lavora.

  • (2015) REPORT - Una dura storia di cuoio

    La nuova inchiesta realizzata dal Centro Nuovo Modello Di Sviluppo (CNMS) e dalla Campagna Abiti Puliti “Una dura storia di cuoio” analizza la situazione lavorativa nell’industria della concia italiana. La ricerca, parte del progetto Change Your Shoes , focalizza l’attenzione in quella che viene definita la Repubblica del Cuoio: il distretto produttivo di Santa Croce

  • (2015) REPORT - Quanto è vivibile l'abbigliamento in Italia?

    La Campagna Abiti Puliti lancia un nuovo report sulla situazione del settore tessile e calzaturiero italiano redatto attraverso una ricerca realizzata in tre regioni italiane: Veneto, Toscana, Campania

  • (2014) Report - Flawed Fabrics

    Ancora evidenze di schiavitù moderna nel settore tessile indiano
    Il 28 ottobre 2014, due organizzazioni non governative olandesi, SOMO (Centro di Ricerca sulle Imprese Multinazionali) e ICN ( Comitato Indiano dei Paesi Bassi), hanno pubblicato un nuovo rapporto sulle condizioni di lavoro esistenti nell’industria tessile indiana per l’esportazione, localizzata nella regione del Tamil Nadu.

  • (2014) REPORT - Stiched up!

    La Clean Clothes Campaign pubblica un nuovo rapporto che rivela cosa si cela dietro catene di fornitura della moda di fascia alta e nella vita dei lavoratori turchi e dell’Europa Orientale che producono i loro vestiti. "Stitched Up! - salari da povertà per i lavoratori dell’abbigliamento in Europa Orientale e in Turchia"

  • (2013) REPORT - Tutto quello che la moda non dice

    Mentre migliaia di lavoratori in Bangladesh continuano a lottare per condizioni di lavoro sicure, la Clean Clothes Campaign lancia l’Urgent Appeal Annual Review, un rapporto interattivo che mostra in che modo l’organizzazione supporta questi e tutti gli altri lavoratori che combattono per un lavoro più sicuro, per il salario dignitoso e per la libertà di associazione sindacali.

  • rana_plaza_ambulanza(2013) REPORT - Aspettando ancora: le vittime del Rana Plaza in attesa dei risarcimenti

    Sei mesi dopo il crollo del Rana Plaza, il più grande disastro della storia nell’industria dell’abbigliamento, un nuovo report della Clean Clothes Campaign e dell’International Labor Rights Forum esamina i progressi che sono stati compiuti finora sul tema dei risarcimenti verso i lavoratori colpiti da questa tragedia e le loro famiglie

  • copertina_home(2013) REPORT - Scoperto l’uso della tecnica del sandblasting nelle fabbriche cinesi

    Attivisti chiedono oggi con forza un intervento immediato da parte dei governi e delle aziende per abolire definitivamente la tecnica della sabbiatura e gli altri processi di rifinitura dalla produzione dei jeans.

  • (2012) REPORT Olimpiadi: parte la campagna di pressione

    Dopo lo sconvolgente rapporto Toying with Workers' Rights, il nuovo report Fair Games? esamina le condizioni di lavoro in 10 fabbriche di abbigliamento sportivo in Cina, Sri Lanka e Filippine, dove vengono prodotti capi che verranno acquistati dai consumatori e usati da atleti e volontari dei Giochi Olimpici di Londra 2012.

  • (2012) REPORT - I jeans continuano ad uccidere

    Dopo la condanna ufficiale del sandblasting come tecnica di schiaritura dei jeans da parte di molti marchi internazionali del mondo della moda, la Campagna Abiti Puliti ha deciso di verificare sul campo le parole delle imprese, mandando alcuni ricercatori dell’AMRF in 7 fabbriche bengalesi per intervistare 73 lavoratori, di cui oltre la metà addetti alla sabbiatura.

  • (2012) REPORT - Olimpiadi: Giocare con i diritti dei lavoratori

    Mentre gli atleti dedicano lunghe ore all'allenamento per battere i record del mondo nei loro rispettivi sport, lavoratori di tutto il mondo sono costretti ad una corsa al ribasso sui salari e le condizioni di lavoro.

  • (2012) REPORT - Grandi marchi sfruttano lavoratrici marocchine

    SETEM, l’associazione referente per Campagna Abiti Puliti in Spagna, ha presentato la ricerca “La moda española en Tánger: trabajo y superviviencia de las obreras de la confección”, che analizza le condizioni precarie di vita e di lavoro che subiscono le lavoratrici nei laboratori tessili di Tangeri fornitori delle grandi marche internazionali. La ricerca è stata realizzata con la collaborazione della Asociación Attawassol sulla base dell’esperienza di 118 operaie.

  • (2011) REPORT - Quanti punti ha ottenuto il tuo marchio preferito?

    «Nel contesto di crisi globale che stiamo attraversando, spesso sono i più deboli a pagare il conto più salato. E l’industria della moda è un ottimo esempio di questa tendenza». È questa la conclusione principale cui sono giunti Anna McMullen and Sam Maher redigendo la quinta edizione del report Let’s Clean Up Fashion 2011. The state of pay behind the UK high street.

  • (2011) REPORT - Adidas, Rebook, Puma e tanti altri. Lo sfruttamento in El Salvador

    Nel gennaio 2010, dopo 9 mesi di inchiesta, l’Institute for Global Labour and Human Rights e l’organizzazione salvadoregna Mujeres Transformando pubblicarono un rapporto sulle condizioni di lavoro e sugli abusi commessi nella fabbrica tessile Ocean Sky in El Salvador , controllata dalla Ocean Sky International LTD con sede in Singapore.

  • (2011) REPORT - Negozi di abiti inglesi sfruttano le donne

    Migliaia di donne impegnate nella produzione di vestiti per marchi UK lavorano 14 ore al giorno in Bangladesh per paghe da fame. Questa accusa è stata diffusa da War on Want in una nuova inchiesta partita quando il giornale People ha pubblicato la notizia che i lavoratori bengalesi di uno dei marchi preferiti da Kate Middleton, Zara, fossero pagati meno di 6 pound all’ora per i turni di notte.

  • (2011) REPORT - Donne Dalit sfruttate per il mercato europeo

    Alcune aziende hanno preso provvedimenti ma lo sfruttamento è ancora molto diffuso. Un nuovo rapporto pubblicato da Somo e ICN mette in luce lo sfruttamento annidato nelle filiere di produzione indiane dove grandi marchi e distributori europei e statunitensi producono abbigliamento grazie all’impiego di ragazze Dalit (senza casta) spesso minori di 18 anni. Si tratta della pratica del Sumangali molto diffusa nel Tamil Nadu che, nella sua forma peggiore, si caratterizza per l’impiego di lavoro forzato.

  • (2010) REPORT - Vittime della moda

    La Clean Clothes Campaign ha lanciato un appello ai produttori di jeans e ai governi per fermare la sabbiatura del denim. La sabbiatura (sandblasting) può causare una forma acuta di silicosi, malattia polmonare mortale.

  • girl_stitching_football(2010) REPORT - Goal mancato per i lavoratori del pallone

    La Clean Clothes Campaign è sconcertata dal fatto che dopo tutti questi anni, i bassi salari e altre gravi forme di violazioni dei diritti dei lavoratori sono ancora la norma e non l'eccezione del settore.

  • (2009) REPORT - Amazzonia che macello!

    L'indagine di Greenpeace "Slaughtering the Amazon" pubblicata nel mese di giugno 2009 denuncia la corresponsabilità nella deforestazione dell'Amazzonia di marchi delle calzature e della grande distribuzione

  • (2008) REPORT- Olimpiadi: Vincere gli ostacoli - Campagna PlayFair2008

    Vincere gli ostacoli è il rapporto internazionale della Campagna PlayFair2008 sulle condizioni di lavoro nell'industria sportiva globale che "confeziona" le Olimpiadi di Pechino 2008.

  • (2007) REPORT - Olimpiadi: Nessuna medaglia alle Olimpiadi per i diritti dei lavoratori

    A un anno dall'apertura dei giochi olimpici di Pechino 2008, un'indagine in quattro aziende cinesi produttrici di materiale promozionale a marchio olimpico solleva il velo sulla filiera commerciale del CIO e dei Comitati olimpici nazionali.

  • (2006) REPORT- La condizione femminile nell'industria dell'abbigliamento in Turchia ed Est europeo

    Un'indagine basata su 256 interviste a lavoratrici in 55 fabbriche di subfornitura denuncia condizioni di lavoro di estremo sfruttamento in un settore cresciuto rapidamente negli anni '90 e che ora mostra segni di saturazione.

  • (2004) REPORT - Olimpiadi: Gioca pulito alle Olimpiadi

    Le contraddizioni denunciate dalla campagna "Gioca pulito alle Olimpiadi" in un report che mette in evidenza il costo sociale di un avvenimento sportivo mondiale così importante e popolare. Dietro i successi e le medaglie dei nostri beniamini dello sport, si celano condizioni di lavoro ingiuste per migliaia di lavoratori che producono abbigliamento, scarpe e gadget per l'industria dello sport.